Fenomenologia grammaticale: filosofia senza sapere in Franz Rosenzweig

Bonimelli, Nicola (2008) Fenomenologia grammaticale: filosofia senza sapere in Franz Rosenzweig. Información Filosófica, V (10). pp. 79-89. ISSN 1824-7121

[img]
Preview
PDF
IF081-bonimelli.pdf

Download (115kB)
Official URL: http://www.philosophica.org/asp/archivio-articoli....

Abstract

Rosenzweig tenta di sviluppare una nuova fenomenologia, idealmente contrapposta a quella hegeliana: un metodo filosofico, o meglio, un orientamento del pensiero che dia ad esso la possibilità di elaborare un pensato che non sia un suo proprio prodotto, un suo proprio logos che per ciò stesso si appropria di ogni fenomeno, sì da renderlo, da rivelazione o datità altra ed eteronoma qual è, rispetto al pensiero, epifenomeno del sapere, che è solo sapere di sé. Tale fenomenologia può essere anche detta grammaticale, una fenomenologia della parola, poiché è un orientamento del pensiero che quest’ultimo impara da altro: un orientamento, da Rosenzweig fatto coincidere con l’esperienza (Er-fahrung), che considera il fenomeno come autenticamente altro, senza appropriarsene, ed è insegnato al pensiero dalla grammatica, dal linguaggio.

Item Type: Article
Natural Language Keywords: Esperienza dell’altro, fenomenologia della parola, rivelazione.
Subjects: Filosofia
Depositing User: dott. Angelo Marocco
Date Deposited: 07 Oct 2008
Last Modified: 28 Oct 2010 09:01
URI: http://archiviomarini.sp.unipi.it/id/eprint/164

Actions (login required)

View Item View Item