L’accademia dei morti viventi. Parte quarta: la conservazione dei testi

Pievatolo, Maria Chiara (2012) L’accademia dei morti viventi. Parte quarta: la conservazione dei testi. Bollettino telematico di filosofia politica. ISSN 1591-4305

[img]
Preview
PDF
bfp.sp.unipi.it-btfp--1.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (151kB)
Official URL: http://bfp.sp.unipi.it/btfp/?p=1553

Abstract

Più effimera delle tavole di pietra, la carta stampata appare convenzionalmente più affidabile dei testi digitalizzati, esposti al malfunzionamento degli strumenti – sebbene i dati sugli hard disk siano assai più durevoli di quanto s’immagini, – e all’obsolescenza dei programmi e dei formati. La nostra esperienza nella conservazione di documenti cartacei è millenaria, mentre siamo dei neofiti per quelli elettronici. Anche per questo subiamo le complicazioni archeologiche connesse a programmi e formati proprietari non più mantenuti delle aziende produttrici. La soluzione del problema della conservazione – come insegna la sopravvivenza selettiva delle opere di Aristotele – è in primo luogo sociale. Le biblioteche del XXI secolo saranno sempre più digitalizzate: la loro funzione astratta, però, – solo contingentemente identica alla conservazione di oggetti di carta - rimarrà la diffusione della conoscenza. Non a caso i bibliotecari sono, nell’accademia dei morti, fra i pochissimi vivi. Ma non possono essere lasciati soli: la conservazione è sempre il lavoro di una comunità.

Item Type: Article
Natural Language Keywords: library, archive, long-term conservation; lockss, portico
Subjects: Dip. Scienze della Politica > Filosofia Politica
Filosofia > Miscellany of philosophy > Filosofia Politica
Filosofia > Modern Western philosophy > Filosofia Politica
Depositing User: Maria Chiara Pievatolo
Date Deposited: 12 Mar 2012 10:49
Last Modified: 15 Feb 2013 15:49
NBN identifier: urn:nbn:it:unipi-9478
URI: http://archiviomarini.sp.unipi.it/id/eprint/423

Actions (login required)

View Item View Item