I padroni del discorso

Pievatolo, Maria Chiara (2003) I padroni del discorso. Methexis, 274 . Plus, Pisa. ISBN 88-8492-063-9

[img]
Preview
Text (PDF)
pievatolo.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (2MB) | Preview
Official URL: http://bfp.sp.unipi.it/ebooks/mcpla.html

Abstract

Oggi il problema della libertà dell'informazione non solo dalla censura politica, ma anche dalla proprietà privata, si impone non tanto in rapporto alla filosofia, quanto ad altri codici che sanno cambiare il mondo: il codice del software e il codice della vita. E' in atto una battaglia durissima fra i fautori dell'estensione della proprietà privata intellettuale - nelle forme del brevetto, del copyright, di legislazioni antipirateria, di non disclosure agreement - e i sostenitori di quello che potrebbe definirsi come un comunismo della conoscenza. Chi abbraccia quest'ultima posizione afferma che il codice può essere sviluppato a vantaggio di tutti solo se può essere condiviso ed elaborato liberamente in comunità di discussione; la libertà di queste comunità dipende, a sua volta, dalla libertà del suo oggetto, cioè dal carattere comunitario, pubblico e non privato, del codice stesso. I padroni del discorso si propone di mostrare che il carattere pubblico dell'informazione non deriva da una pretesa nuova e marginale, ma è al cuore della stessa tradizione filosofica occidentale. Proprio come la democrazia, se non vuole ridursi a un rituale, ha bisogno della massima libertà nell'uso pubblico della ragione, così la filosofia, se non vuole ridursi a formula, ricetta e ideologia, necessita di uno spazio libero di discussione che sia maggiore degli esiti dell'uno o dell'altro sistema. Una interpretazione mirata di alcuni testi platonici permette di motivare e di inglobare le rivendicazioni settoriali della libertà del codice entro un argomento complessivo per la libertà della conoscenza, che viene corroborato dal confronto con alcuniOggi il problema della libertà dell'informazione non solo dalla censura politica, ma anche dalla proprietà privata, si impone non tanto in rapporto alla filosofia, quanto ad altri codici che sanno cambiare il mondo: il codice del software e il codice della vita. E' in atto una battaglia durissima fra i fautori dell'estensione della proprietà privata intellettuale - nelle forme del brevetto, del copyright, di legislazioni antipirateria, di non disclosure agreement - e i sostenitori di quello che potrebbe definirsi come un comunismo della conoscenza. Chi abbraccia quest'ultima posizione afferma che il codice può essere sviluppato a vantaggio di tutti solo se può essere condiviso ed elaborato liberamente in comunità di discussione; la libertà di queste comunità dipende, a sua volta, dalla libertà del suo oggetto, cioè dal carattere comunitario, pubblico e non privato, del codice stesso.

Item Type: Book
Subjects: Filosofia > Platonic philosophy
Filosofia > Modern Western philosophy
Dip. Scienze della Politica > Filosofia Politica
Filosofia > Miscellany of philosophy > Filosofia Politica
Filosofia > Modern Western philosophy > Filosofia Politica
Depositing User: Maria Chiara Pievatolo
Date Deposited: 03 May 2013 08:59
Last Modified: 03 May 2013 08:59
URI: http://archiviomarini.sp.unipi.it/id/eprint/510

Actions (login required)

View Item View Item