Ragione pubblica e giustizia interspecifica: appunti per una teoria minimale dei diritti animali

Passoni, Andrea Ragione pubblica e giustizia interspecifica: appunti per una teoria minimale dei diritti animali. Archivio Giuliano Marini. ISSN 2281-213X (Unpublished)

[img]
Preview
Text
Ragione Pubblica e Giustizia Interspecifica.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution No Derivatives.

Download (357kB) | Preview

Abstract

La teoria politica formulata da John Rawls, con le sue idee chiave di ragione pubblica, liberalismo politico e giustizia come equità, rappresenta senza dubbio una delle proposte più interessanti offerte dalla filosofia politica contemporanea. Com’è noto, tale concezione presenta però anche un notevole limite: quello di rimanere all’interno di un paradigma antropocentrico della giustizia. Il filosofo americano, infatti, non si è mai occupato approfonditamente della “questione animale”, e per quel poco che ne ha discusso lo ha fatto attraverso degli argomenti che hanno sollevato più di una perplessità. Partendo da queste difficoltà, ma cercando di rimanere comunque all’interno dell’idea di liberalismo politico, nelle prossime pagine proverò a suggerire degli argomenti in favore dell’estensione della teoria rawlsiana oltre la specie umana. La strategia argomentativa che adotterò, tuttavia, non si baserà né sul cosiddetto “argomento della contingenza” né sul contrattualismo della posizione originaria, percorsi standard attraverso i quali generalmente si discute di giustizia interspecifica in termini rawlsiani, bensì si svilupperà attraverso la formulazione di un discorso politico pubblico costruito a partire da una rielaborazione del noto “principio del danno” suggerito oltre un secolo fa da John Stuart Mill. Nello specifico, il testo è diviso in tre parti. La prima è dedicata a una breve ricostruzione dei tratti principali del pensiero rawlsiano, e in particolare dell'idea di ragione pubblica. Nella seconda, cercando di argomentare nei termini prescritti da tale idea, sosterrò la tesi secondo cui tutti gli esseri capaci di un punto di vista interno dovrebbero essere considerati persone politiche, ovvero soggetti che “in qualche modo” rientrano nella sfera di giustizia. Su questa base, nella terza parte cercherò di individuare alcuni diritti fondamentali che una teoria ragionevole della giustizia dovrebbe assegnare a tutte le persone politiche: come tenterò di suggerire, anche se minimi tali diritti potrebbero comunque aiutarci a orientare il nostro giudizio in molti importanti casi in cui a essere in questione sono i rapporti tra umani e non.

Item Type: Article
Natural Language Keywords: Rawls, ragione pubblica, diritti animali, giustizia, liberalismo politico, antispecismo
Subjects: Dip. Scienze della Politica > Filosofia Politica
Filosofia > Miscellany of philosophy > Filosofia Politica
Filosofia > Modern Western philosophy > Filosofia Politica
Depositing User: Andrea Passoni
Date Deposited: 15 Sep 2014 08:01
Last Modified: 16 Sep 2014 20:32
NBN identifier: urn:nbn:it:unipi-13141
URI: http://archiviomarini.sp.unipi.it/id/eprint/596

Actions (login required)

View Item View Item