Biopotere, scienza e nuove tecnologie in Woman on the Edge of Time (1976) di Marge Piercy

Casalini, Brunella (2007) Biopotere, scienza e nuove tecnologie in Woman on the Edge of Time (1976) di Marge Piercy. Morus. Utopia e renascimento (rivista brasiliana). (In Press)

[img]
Preview
PDF
piercy2.pdf

Download (162kB)

Abstract

Woman on the Edge of Time (1976) di Marge Piercy si colloca nel solco della tradizione di science fiction inaugurata da Mary Shelley. Come la Shelley, la Piercy denuncia i pericoli di una scienza soggetta all'egemonia della cultura maschilista e patriarcale, sfuggendo, però, alla tentazione di demonizzare la scienza e la tecnica, sottraendosi all'atteggiamento anti-tecnologico di certo ecofemminismo e alla riproposizione dei dualismi natura/cultura, femminile/maschile. La speranza è infatti riposta in un mondo in cui una profonda rivoluzione dei rapporti sessuali, di genere e familiari produca una trasformazione culturale radicale, piegando la scienza e la tecnica al raggiungimento di nuovi e diversi obiettivi, mettendola al servizio di quei valori di care e nurturance che devono cessare di essere un patrimonio esclusivo dell’esperienza femminile.

Item Type: Article
Natural Language Keywords: Marge Piercy, feminist utopias, new technologies, science, family relation, new reproductive technologies
Subjects: Scienze Sociali
Depositing User: Brunella Casalini
Date Deposited: 23 May 2007
Last Modified: 28 Oct 2010 09:03
URI: http://archiviomarini.sp.unipi.it/id/eprint/97

Actions (login required)

View Item View Item